Tema 2018: IN-DIFFERENZA

"Quanto soffriamo per la gente che muore. Quanto siamo indifferenti a come vive". Palagummi Sainath (giornalista indiano)

L’in-differenza impedisce di prendere decisioni, compiere azioni, non fa discernere perché ogni cosa è ininfluente, incapace di condurre cambiamenti rispetto alla condizione esistente. Questa condizione di disinteresse coinvolge la libertà personale poiché viene a mancare la volontà attiva della scelta. Non ci sono confini chiari tra ciò che è giusto e ciò che non lo è. L'in-differenza è uno stato di completo disinteresse per il destino altrui. A una persona indifferente non importa niente dei sentimenti degli altri e cosa essi dovranno affrontare nel corso della loro vita. L’indifferente non si cura del proprio pianeta, dei cambiamenti climatici, del proprio sistema ecologico ambientale della terra che abita. Ma l'in-differenza è davvero un sentimento così negativo o solo una scelta per non restare in balia alle nostre paure? La nostra società è sempre più distratta, più distaccata, le persone sono sempre più sole e finiscono per svilire la parte più autentica di sé e le relazioni con l’altro perdono di significato. È questo il vero potere dell'in-differenza: vivere senza il bisogno di risposte. Perché come diceva Albert Einstein: il mondo non è minacciato dalle persone che fanno male, ma da quelle che lo tollerano.

Importante è tornare a credere che sia possibile fare la differenza, ovvero recuperare la capacità di ascoltarsi, di sentire e comprendere i propri e gli altrui sentimenti, superare la “povertà “emotiva che sfocia nell’ostilità ripetitiva che copre le emozioni più profonde quali la paura, la vergogna, la prossimità. La differenza di credere e tornare consapevoli che la costruzione di una società più giusta e più vera è affidata alla collaborazione di tutti. Questo mondo è fatto anche di persone nel vero senso della parola. Persone che aiutano, che lottano, che amano con forza e animo gli altri e per gli altri. Recuperare la libertà personale attraverso una volontà attiva della scelta, liberi da dogmi e pregiudizi, e Vincere sui pregiudizi e sull’attaccamento alle differenze è la precondizione indispensabile per un dialogo aperto, capace di salvare il nostro pianeta.

Non importa quanto cambino i tempi o quanto sia progredita una civiltà, in fin dei conti tutto dipende dal carattere delle persone. Le decisioni degli esseri umani determinano il loro destino e quello del resto del mondo.” Daisaku Ikeda (filosofo Buddista)

Siamo giunti alla quarta edizione del concorso Nazionale di Arte Attuale a tema. Come in passato abbiamo scelto un argomento che lascia volontariamente molta libertà ai partecipanti che decidono di mettersi in gioco sottoponendoci i propri lavori.

In questa occasione EneganArt invita tutti gli artisti a riflettere sul concetto di IN-DIFFERENZA. Tema che presenta tante sfumature e interpretazioni.

BUON LAVORO!

Ileana Mayol Responsabile e ideatrice del progetto

Un mondo differente non può essere costruito da persone indifferenti. Peter Marshall

Questo sito utilizza cookies. Qui puoi trovare tutti i dettagli, altrimenti, se accetti l'utilizzo dei cookies, chiudi questo avviso.